lunedì 4 luglio 2011

UN NUOVO INFORTUNIO, CHE BELLO...

Niente di gravissimo, per carità, ma una tallonite proprio non ci voleva. Un fastidio che avvertivo da un paio di mesi, durante la preparazione alla mezza, si è trasformato ora in un dolore molto forte, e al mattino quando mi sveglio quasi faccio fatica a camminare appoggiando il tallone sinistro. Per fortuna è in un periodo di scarico, per cui al momento mi arrangio con palestra e corda, ma zero corsa. Il problema però è che con questi due elementi da soli si rischia di perdere seriamente buona parte del consumo massimo di ossigeno che ci si è guadagnati durante i durissimi allenamenti, in più all'orizzonte appaiono delle gare, e a malinquore devo rinunciare al ritorno in pista, con un raduno a Sassari che poteva essere interessante. Ma stavolta non mi faccio prendere dalla fretta. Dunque, il problema è il tallone, per quello non c'è altro rimedio che il riposo, e quello lo sto già facendo. Per il resto, mi dedico ad un'attività che, devo dire la verità, non mi è mai piaciuta particolarmente. La bici l'ho trovata sempre uno strumento ottimo per fare escursioni, ma non per fare sport, forse perché non ho le caratteristiche fisiche necessarie per poter tirare fuori qualcosa di buono in questo sport. Perlomeno però mi permette di allenarmi e di far riposare il tallone, dunque ho tolto fuori dal garage una vecchia mountain bike, dall'aspetto vecchio ma praticamente mai usata, la smonto, olio per bene catena, registro i freni, collaudo il cambio e infine opto per abbandonare le camera d'aria vecchie, probabilmente vulcanizzate nel frattempo anche se gonfiandole sembrano tenere. Un giro di collaudo per scaldarmi prima di fare potenziamento muscolare con i pesi, e la rimetto a posto. Oggi prendo un caschetto e un porta borraccia e mi improvviso ciclista. Farò un'ora circa di saliscendi cercando di spendere le stesse energie che spendo nella corsa. Nel frattempo il riposo al tallone sembra dare i suoi frutti e il dolore si sta attenuando. Devo rimettermi in sesto alla perfezione prima di preparare le due lunghissime gare che ho previsto a ottobre e dicembre.

12 commenti:

  1. e daje... spina calcaneare o fascite? cmq nulla è perduto, prova con la bottiglietta ghiacciata da rotolare sotto il piede.... sulla bici concordo: per raggiungere la stessa FC della corsa hai voglia a pedalare in salita!

    RispondiElimina
  2. Dai, ti riprenderai come sempre!!!! E' vero, questo luglio è un pò vuoto, per fortuna i prossimi mesi sono abbastanza pieni. In bocca al lupo per un perfetto recupero!!

    Davide Ribichesu

    RispondiElimina
  3. Cazzarola, non ci voleva proprio.

    Dai superiamo anche questa.

    Ciao Francesco

    RispondiElimina
  4. Talloniere in gel le hai messe?

    RispondiElimina
  5. E vai... ogni tanto l'acciacco ci viene a trovare. Pazienza, qualche sacramento, e poi si ricomincia. Dai, dai!

    RispondiElimina
  6. A guardare il bicchiere mezzo pieno meglio ora che dopo ma per chi corre quando si è fermi il bicchiere è sempre vuoto:-)
    Recupera...ciaooooo:-)

    RispondiElimina
  7. E anche il tuo corpo ha chiesto ferie... sulle talloniere: a Cagliari mi hanno suggerito, il fisiatra, le Tuli's mentre in un negozio specializzato le IronMan. Siamo sui 13 euro di spesa.

    RispondiElimina
  8. io ti consiglio un pò di surf...

    RispondiElimina
  9. @ Theyogi, grazie del consiglio, vedrò di riuscire a recuperare, almeno spero, entro breve. Dovrebbe essere semplicemente fascite, ma devo trovare il tempo di andare dall'ortopedico.

    @ Davide grazie, speriamo bene, a settembre ricominciano le gare a profusione

    @ @ Giuseppe, spero bene, per fortuna non mi impedisce quasi di fare altro, come l'ultimo infortunio, altrimenti sarebbero guai.

    @ Franchino, no, mi sa che le prendo, grazie del consiglio!

    @ Oliver, più che sacramenti, mi vengono in mente gli opposti ;)

    @ Teo, meglio ora infatti, almeno approfitto per riposare e rigenerarmi prima dei prossimi obiettivi

    @ Squonimo, grazie per il consiglio, mi sa che le prendo.

    @ Alex, eh, mare permettendo e famiglia pure, il mare non mi manca, e la tavola scalpita in garage ;)

    RispondiElimina
  10. Oggi ero a correre a Porto Ferro, c'erano tanti surfisti e sembrava la California..sarà perchè erano anche biondi e abbronzati come pure le ragazze... ;-).c'eri anche tu???? sai che mi ha un pò preso... come si impara??pensavo di conciliarlo con la corsa...o forse mal si sposa con gli allenamenti..

    RispondiElimina
  11. Eh, magari, purtroppo però in questo periodo non riesco neppure ad andare al mare, tra famiglia, preparativi per il matrimonio eccetera è già tanto se trovo tempo per allenarmi. Non interferisce con la qualità degli allenamenti, per imparare ti conviene iniziare con una tavola in plastica Malibu da 7'6", oppure alla spiaggia della Marinedda dell'Isola Rossa ci sono in affitto, provale e non si sa mai che ti piaccia ;)

    RispondiElimina
  12. Grazie..sono stato a Marinedda e ho provato... sembravo un pugile all'angolo..pero emozionante..:-) mi hanno detto che faranno delle gare a marinedda e badesi.. a Badesi ci sarà pure miss maglietta bagnata...chissà che magari mi emozioni piu con quello :-)

    RispondiElimina